Il minestrone a primavera (2019 edition)

King Gizzard and the Lizard Wizard - Fishing for Fishies_cover

Il minestrone, sì. Perché è maggio e sarebbe primavera ma è una primavera che puzza di novembre e a novembre ci vuole il minestrone, è risaputo. E pure perché in questi mesi di lavoro a capo chino, dentro ai quali son riuscito a ricavare spazi angusti per Loud Notes, appena sufficienti ad accogliere qualche singolo, … Leggi tutto Il minestrone a primavera (2019 edition)

The Cavemen – Lowlife EP [Slovenly, 2019]

the cavemen_lowlife_cover

Se dovessimo pensare - per gioco eh, per carità - di assegnare il Grammy della ruvidità, per ringraziare chi ha la (giusta) sfrontatezza di far musica per scorticare i timpani del prossimo, questi quattro devastati di neozelandesi lo vincerebbero a mani basse. Lo si sapeva già da tempo eh, non è mica una novità, però … Leggi tutto The Cavemen – Lowlife EP [Slovenly, 2019]

Repost: The Doggs – Red Sessions [autoprodotto, 2012]

the-doggs-red-sessions_cover

Ci eravamo lasciati con un treno deragliato sull'asse Milano - Detroit - New York, si chiamava The Doggs e trasportava un breve e fiammante EP, "Black Love", che ha donato lustro e sporcizia a questo povero e vizioso blog rock'n'roll. Quel treno si è rimesso in viaggio a velocità sostenuta (sarebbe più giusto dire «indecente»), … Leggi tutto Repost: The Doggs – Red Sessions [autoprodotto, 2012]

Repost: The Doggs – Black Love EP [autoprodotto, 2011]

the-doggs-black-love-ep_cover

Un treno è deragliato sull'asse Detroit - New York - Milano: si chiama The Doggs, e porta con se un carico di rock'n'roll depravato e proto-punk di derivazione tardo sixties. Il decennio dell'amore stava finendo, e band come Stooges e Velvet Underground tormentavano i propri ignari strumenti tirandone fuori un suono rumoroso, ruvido e impudico … Leggi tutto Repost: The Doggs – Black Love EP [autoprodotto, 2011]

Constant Mongrel – Living in Excellence [Anti Fade, 2018]

constant mongrel_living in excellence_cover

(Garage)Punkettone fatto davvero bene, aggressivo, sporco e niente affatto allegro. C'è una certa scimmia new wave, piuttosto impertinente, che occupa spazi e mette in disordine tutto, donando sapori e personalità. Loro sono i Constant Mongrel, sono in tre e vengono da Melbourne. Questo è il loro terzo disco, è uscito una manciata di giorni fa … Leggi tutto Constant Mongrel – Living in Excellence [Anti Fade, 2018]

Archie and the Bunkers – Songs from the Lodge [Dirty Water, 2018]

Archie and the Bunkers_Songs from the Lodge

È un piacere intimo, viscerale, ascoltare un nuovo disco degli Archie and the Bunkers. Perché quando questi due fratelli di 19 e 17 anni ti afferrano alla gola con quegli inni irresistibili, pestando un organo e una batteria come se fosse una cosa estremamente necessaria - "la cosa da fare" - ti accorgi e ti … Leggi tutto Archie and the Bunkers – Songs from the Lodge [Dirty Water, 2018]

Death Pedals – Death Pedals [Hominid Sounds, 2018]

Death Pedals_Death Pedals_cover

Sono bastati appena otto anni, ai Death Pedals, per far la loro comparsa bruciante nella florida scena noise rock inglese, infiammarla a dovere con tre dischi lunghi, una manciata di cose più piccole e centinaia di bellicose apparizioni live, e decidere di sparire. L'omonimo di cui sto scrivendo, infatti, è l'annunciato ultimo album della band … Leggi tutto Death Pedals – Death Pedals [Hominid Sounds, 2018]

Dead Moon – What a Way to See the Old Girl Go [Voodoo Doughnut, 2017]

Dead Moon - What A Way To See The Old Girl Go_cover

Un nuovo live dei Dead Moon nel quale tuffarsi a candela. La data registrata su disco (e ancora prima su 8 tracce) è quella del 16 agosto 1994. L'occasione dello show, la chiusura dello storico club all-ages X-Ray Cafe di Portland, palestra di tanti celebrati artisti della prolifica cittadina del Pacific Northwest (Quasi, The Dandy … Leggi tutto Dead Moon – What a Way to See the Old Girl Go [Voodoo Doughnut, 2017]